Personaggi invisibili della mia esistenza 1

lupo-grigio.jpg

 Sto tornando animale, ragazzi. Torno animale dopo una lunga pausa. Come è nel mio modo di esistere, come è quasi sempre stato. 

Un lupo grigio abita il mio petto. Occhi gialli e lunghe zanne, cammina silenzioso, di notte, fra le piante del bosco. Beve l’acqua del fiume e respira l’odore delle foglie in decomposizione.  

Ho sempre meno bisogno di un sacco di cose. Vestiti. Posti comodi. Sicurezze. Promesse. Meno necessità o desideri si hanno, più si è liberi. 

Al lupo non interessa cosa succederà tra un quarto d’ora, o tra due mesi. Soltanto, fiuta molto bene gli esseri che gli passano accanto. Cerca di stare sempre all’erta. E’ un po’ diffidente. Qualcuno direbbe anche che è insensibile. Ma questo gli serve per sopravvivere. La vita nel bosco gli ha insegnato che è meglio azzannare che farsi ferire, il che è in contrasto con la legge morale degli uomini, ma lui non la conosce, perché è un animale. La vita nel bosco gli ha anche insegnato a curare bene e in fretta le sue ferite, per ricominciare subito a correre.   

Solo questo, vuole il lupo, correre forte e sentire l’odore dell’aria. 

Ama essere libero, può passare lunghe ore da solo, anche se per vivere ha bisogno del suo branco.

Purtroppo, pochi altri animali possono stargli accanto. Quando il lupo incontra un’aquila, allora possono parlare, senza rischiare di danneggiarsi a vicenda. Possono capirsi, perché sono fatti allo stesso modo. Le altre creature rischiano di farsi del male. Non c’è cosa al mondo che lui detesti di più che ferire involontariamente altri esseri, senza che ci sia una precisa ragione. E questo è ancora più terribile, perché sa di non poterci fare nulla. E’ nella sua stessa natura. Quando succede, china la testa e pensa per un attimo che preferirebbe essere nato cervo, o daino, o lepre, per essere innocuo.

Ma poi vede la luna, e capisce che non può diventare altro da quel che è. Ricomincia a correre, anche se quella specie di spina, che sente conficcata da qualche parte, continuerà a fargli un po’ male.  

Annunci

~ di cocochanel su aprile 16, 2007.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: